fbpx
Generic filters
Exact matches only
Generic filters
Exact matches only

CERVICALE E CERVICALGIA

Cause, Sintomi e Trattamento del Dolore Cervicale

La Cervicalgia rappresenta uno dei più comuni sintomi e disturbi a carico dell’apparato muscoloscheletrico per il quale vengono richieste consulti e trattamenti sanitari nei paesi occidentali.

Oltre i due terzi della popolazione manifesta un dolore nella regione cervicale almeno una volta nel corso della vita  con periodiche remissioni e livelli variabili di recupero funzionale, con possibile conseguente disabilità nel 5% dei casi.

Il dolore alla cervicale (cervicalgia) è definito come “un dolore localizzato nella regione posteriore del rachide cervicale dalla linea nucale superiore alla linea passante per il processo spinoso della prima vertebra dorsale”.

Il dolore cervicale si può suddividere, in base alla durata, in dolore acuto, subacuto e cronico.

Nella maggior parte dei casi i sintomi nascono da un patologia del disco intervertebrale (ernia, protrusione, artrosi…) o delle articolazioni posteriori vertebrali (faccette), spesso derivanti da uno scorretto assetto posturale (alterazioni della lordosi, rotazioni e/o squilibri). 

Un fattore di rischio di interesse attuale è quello della postura flessa del capo, mantenuta per tempo prolungato anche a causa dell’uso di pc, smartphone e tablet, con incremento dell’angolo cranio cervicale e conseguente sovraccarico funzionale sui muscoli erettori spinali, sulle strutture cervicali e modificazione dell’assetto della fisiologica lordosi cervicale.

LA MIA VISIONE

Nella lotta quotidiana per mantenere la stazione eretta il corpo umano è alla ricerca continua del punto di equilibrio più “comodo”, il meno faticoso, adottando, con un’abilità straordinaria, aggiustamenti posturali ad ogni singolo livello e tessuto, dalla testa ai piedi.

In Fisioterapia ed in particolare in una visione Osteopatica e di Postorulogia Clinica il compenso è il modo migliore che, in quel determinato momento, il corpo umano ha per vincere la gravità e, al contrario, è in assenza del compenso che si manifesta la lesione e quindi il dolore. In questo caso il Dolore Cervicale!

Il tratto cervicale è influenzato dalla meccanica e dai movimenti del tratto dorsale (quindi dal lombare, bacino ed arto inferiore), dai movimenti e tensioni dell’arto superiore, da tensioni discendenti dal cranio (vista, udito ed articolazione temporo mandibolare) ed in ultimo anche da tensioni viscerali e diaframmatiche ed è per questo che risulta fondamentale trattare globalmente il paziente per risolvere la problematica cervicale.

789198
Cervicale - Dr. Mazzucchelli Luca Fisioterapia, Osteopatia e Terapia Manuale a Parma

CERVICALE - INDICE

CERVICALE

SINTOMI

Il dolore cervicale causa problemi alla vista, formicolii e intorpidimento, rigidità del collo, tachicardia, vertigini, rigidità, specie al mattino. I sintomi possono avere variabile entità: si va da una semplice tensione muscolare ad un dolore che si può estendere fino alle braccia rendendo difficoltosi i movimenti, dal senso di nausea, di vertigine ai giramenti di testa, alla perdita di equilibrio o ronzii alle orecchie, ai problemi all’udito (nella zona cervicale passano le radici nervose).

EZIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO

L’eziologia del dolore cervicale è multifattoriale e vengono descritti fattori non modificabili (età, sesso, familiarità, fattori genetici, condizioni generali di salute, coesistenza di lombalgia, pregressi esiti traumatici) e fattori modificabili (atteggiamenti posturali prolungati in flessione del capo, fattori psico-sociali e comportamentali, fumo, sedentarietà).

In particolare vengono ritenuti rilevanti come fattori di rischio per la comparsa del dolore cervicale il sesso femminile, bassi livelli di scolarità, scarso supporto sociale e lavorativo.

In letteratura particolare attenzione viene posta agli aspetti psico-sociali in ambito lavorativo e non, ritenuti fortemente predittivi per il dolore cervicale cronico, soprattutto per quanto concerne alti livelli di stress psicologico, ambiente lavorativo ostile, insicurezza sul lavoro, forte percezione di tensione muscolare, umore depresso.

Ricoprono un fattore di rischio sicuramente anche le  modificazioni strutturali a carico dei diversi elementi che compongono il rachide cervicale quali muscoli, legamenti, articolazioni e radici nervose). 

Le più comuni condizioni patologiche di riscontro clinico sono la degenerazione artrosica, le discopatie, la sindrome da disfunzione delle faccette articolari,  fino a condizioni di interessamento del canale midollare come nelle mielopatie cervicali da spondilosi con maggiori implicazioni nel dolore cronico e nelle radicolopatie cervicali.

Un fattore di rischio di interesse attuale è quello della postura flessa del capo, mantenuta per tempo prolungato anche a causa dell’uso di smartphone e tablet, con incremento dell’angolo cranio cervicale e conseguente sovraccarico funzionale sui muscoli erettori spinali, sulle strutture cervicali e modificazione dell’assetto della fisiologica lordosi cervicale.

Risulta pertanto evidente come sia fondamentale, ai fini preventivi e terapeutici, agire sui fattori modificabili, soprattutto per quanto concerne gli stili di vita sedentari o il mantenimento di posture errate prolungate nel corso delle attività di vita quotidiana e/o lavorative e sui fattori psicosociali (stress, ansia, percezione dello stato di salute e del dolore).

CAUSE DEL DOLORE CERVICALE

Molte sono le strutture che possono produrre sintomi alla schiena: muscoli, articolazioni, legamenti, la porzione periferica del disco e i nervi solo per citare i principali. 

Nella maggior parte dei casi i sintomi nascono da un patologia del disco intervertebrale (ernia, protrusione, artrosi…) o delle articolazioni posteriori delle vertebre (faccette). Queste “limitazioni” e “squilibri” sono spesso derivanti da uno scorretto assetto posturale (alterazioni della lordosi, cifosi, rotazioni e/o squilibrio del bacino).

E’ importantissimo ricordare la correlazione del tratto cervicale con distretti anche lontani. Per citarne solo i principali basta pensare al collegamento alla vista, al collegamento fasciale tramite le meningi con tutta la colonna vertebrale e la correlazione tra l’ultima vertebra cervicale con la spalla e con le vertebre dorsali su cui si appoggia e quindi proseguendo con tutte le strutture a valle (lombari, bacino e arto inferiore). Per semplificare l’esempio basta paragonare la cervicale ad una tazzina da caffè con il suo piattino. Se il piattino (tratto dorsale e strutture a valle) non si trova in equilibrio anche la tazzina (tratto cervicale) non si trova in equilibrio.

Per questo motivo è solo con con un attenta valutazione posturale globale e una valutazione biomeccanica altamente selettiva e specializzata ad ogni livello articolare che si riesce ad intervenire con effettivo immediati e duraturi.

ANATOMIA, FUNZIONE E CURVE

Il rachide umano è formato da 33 o 34 vertebre (a seconda che tutte le vertebre coccigee siano o meno fuse tra loro o che una di esse risulti separata), suddivise in 5 aree così come segue:

  • 7 vertebre nella zona cervicale, corrispondenti alla parte del collo, denominate vertebre cervicali
  • 12 vertebre nella zona dorsale, corrispondente alla parte centrale della schiena, denominate vertebre toraciche o dorsali
  • 5 vertebre nella zona lombare, equivalente alla parte bassa della schiena, denominate vertebre lombari
  • 5 vertebre nella zona sacrale, situata in prossimità del bacino, denominate vertebre sacrali
  • 4 o 5 vertebre nella zona del coccige, collocate subito sotto quelle sacrali, denominate vertebre coccigee

La cervicale è costituita da sette diverse vertebre, ognuna con caratteristiche anatomiche diverse in base alla tipo di mobilità e di connessioni anatomiche.

Le vertebre cervicali si dividono in due tratti: Il tratto superiore (C1-C2) ed il tratto inferiore (C3-C7).

Le vertebre del tratto superiore della cervicale sono l’atlante e l’epistrofeo, per la loro forma moto diversa dalle altre vertebre permettono la rotazione della testa, inserendosi una dentro l’altra creando uno snodo.

La cervicale inferiore è dedicata maggiormente ai movimenti di flessione ed estensione e all’inclinazione laterale.

Ogni vertebra poggia su quella sottostante entrando in contatto con tre zone: il disco intersomatico (che ha anche una funzione di ammortizzatore) e le faccette articolari nella zona posteriore.

Le vertebre cervicali hanno una protuberanza posteriore chiamata processo spinoso che possiamo sentire toccando dietro al nostro collo. Il processo spinoso della settima cervicale è molto più pronunciato rispetto alle altre vertebre, tanto da caratterizzare il nome della stessa.

Infatti l’ultima vertebra cervicale è definita prominente e dopo di essa inizia la colonna dorsale.

I nervi che escono dalla cervicale sono sensitivi e motori, cioè innervano i muscoli della cervicale stessa, della spalla e delle braccia e ci permettono di avere sensazioni tattili, dolorose e di temperatura. Questo spiega perché quando abbiamo un problema alla cervicale, come ad esempio un’ ernia che comprime un nervo, il dolore può anche irradiarsi a distanza oppure dare sintomi come il formicolio alle mani. Il gruppo di nervi più importante della cervicale è il plesso brachiale. 

VANTAGGI DI UN CORRETTO ALLINEAMENTO POSTUALE

Proprio per questi motivi è importantissimo prendersi cura della propria colonna, controllando in che condizioni si trova e correggendo al più presto eventuali distorsioni posturali o spostamenti vertebrali, anche in assenza di sintomi.

In questa visione bisogna sottolineare che le disfunzioni della colonna possono dipendere anche da altri sistemi ascendenti quali per esempio gli arti inferiori (caviglia, ginocchio ed anca) o discendenti quali il cranio.

I vantaggi che si ottengono nell’avere una struttura vertebrale ben allineata sono molteplici e tutti in grado di influire notevolmente sulla qualità di vita:

  • Un sistema nervoso che funziona in maniera ottimale, permettendo il libero fluire dell’energia vitale a tutti gli organi del corpo e consentendo a quest’ultimo di raggiungere una condizione di completo benessere psico-fisico, anche detta omeostasi;
  • Il miglioramento di numerosi sintomi (mal di schiena) legati a distorsioni posturali e spostamenti vertebrali;
  • Meno possibilità di andare incontro a problematiche legate ai dischi vertebrali, come ad esempio le ernie del disco;
  • La prevenzione/il rallentamento di patologie degenerative come l’artrosi;
  • Allineamento e simmetria muscolare (destra e sinistra) con riduzione dell’affaticamento muscolare, della sensazione di tensioni anomale (il famoso “tirare”) e quindi un aumento della performance.
Corretta postura - Luca Mazzucchelli Fisioterapista Parma

NON SOLO CERVICALE E CERVICALGIA

Il dolore cervicale (cervicalgia) affligge il 30-50% della popolazione generale ogni anno. Si stima che il 15% della popolazione generale farà esperienza di dolore cronico cervicale (>3 mesi) in un qualche periodo della propria vita.

Il dolore al collo è un sintomo che riconosce molte possibili cause. Può essere localizzato solo nella regione cervicale o può irradiarsi in altre parti del corpo quali spalle,braccia, gomini e mani o anche più lontani come il tratto dorsale, cranio o zono lombare.

Il dolore cervicale può infatti originare da problemi a una o più strutture come muscoli, vertebre e faccette vertebrali, legamenti, dischi intervertebrali che possono inferfire anche con il sistema vascolare e nervoso creando così problemi di irrorazione sanguigna ai tessuti o all’arto superiore (esempio sindrome dello stretto toracico) o alla testa (mal di testa tipo pulsante) e/o problemi di origine nervosa come formicolii, spasmi, intorpidimento,parastesie o vertigini.

LE PRINCIPALI PATOLOGIE

  • Malocclusione e Disturbi dell’articolazione tempero mandibolare

    La malocclusione e i disturbi dell’articolazione temporomandibolare (ATM) sono correlati a posizioni improprie dei denti e problemi nell’articolazione che collega la mascella al cranio. Il trattamento spesso coinvolge l’ottimizzazione dell’occlusione dentale, il rilassamento muscolare e tecniche che favoriscono l’equilibrio dell’ATM, mirando a ridurre il dolore e migliorare la funzione mandibolare.

  • Artrosi

    L’artrosi rappresenta un disordine articolare influenzato da squilibri biomeccanici e tensioni muscolari. Gli osteopati cercano di ripristinare l’equilibrio corporeo, migliorando la mobilità articolare e riducendo le tensioni muscolari per alleviare il dolore e promuovere il benessere generale del paziente. Normalemente non è dolorosa.

  • Sindrome delle faccette articolari

    La Sindrome delle Faccette Articolari è una condizione in cui le piccole articolazioni della colonna vertebrale causano dolore. Affrontando le disfunzioni articolari e riducendo le tensioni muscolari, si mira a migliorare la stabilità e a ridurre il disagio associato a questa sindrome.

  • Cervicobrachialgia

    La cervicobrachialgia è una condizione caratterizzata da dolore che si irradia dal collo al braccio. Gli approcci osteopatici spesso coinvolgono la valutazione delle strutture cervicali e brachiali per ridurre le tensioni muscolari, migliorare la mobilità e alleviare il dolore, promuovendo il benessere del paziente.

  • Dolori cervicali (la “Cervicale”)

    I dolori cervicali, causati da tensioni muscolari, posture scorrette o lesioni, possono essere gestiti attraverso approcci che mirano a migliorare la mobilità, ridurre le tensioni e promuovere l’allineamento corretto della colonna cervicale, al fine di alleviare il dolore e migliorare la funzionalità del collo.

  • Ernia del disco o Protusione Discale (Disco erniato)

    L’ernia del disco o protusione discale è una condizione in cui il nucleo interno del disco spinale o l’intero disco sporge e migra attraverso la sua parete esterna, causando compressione sui nervi circostanti. Trattamenti mirano a ridurre la pressione, migliorare la mobilità spinale e alleviare sintomi come dolore e disagio associati a questa condizione.

  • Bulging discale

    Il bulging discale è una condizione in cui il disco intervertebrale sporge oltre la sua normale posizione, ma senza rottura della parete esterna. Questo può causare compressione sui nervi circostanti, portando a sintomi come dolore e disagio. Trattamenti mirano a ridurre la pressione e alleviare i sintomi associati.

  • Colpa di frusta (whiplash)

    • Il colpo di frusta, noto anche come whiplash, è una lesione alla colonna cervicale causata da un rapido movimento di flessione e estensione del collo, spesso associato a incidenti automobilistici. I sintomi includono dolore al collo, rigidità e talvolta mal di testa. I trattamenti sono volti a alleviare il dolore, ripristinare la mobilità e promuovere il recupero della funzione cervicale. In questo quadro si assiste ad una perdita della fisiologica lordosi e conseguente retilinizzazione del tratto cervicale e altre disfunzioni vertebrali anche in zone più distanti come il sacro ed il tratto dorsale.
  • Problematiche Posturali

    I dolori cervicali legati a problematiche posturali sono spesso causati da posizioni prolungate scorrette. Queste condizioni possono generare tensioni muscolari e stress sulla colonna cervicale. Approcci terapeutici mirano a correggere la postura, alleviare le tensioni muscolari e promuovere un allineamento ottimale per ridurre il dolore e migliorare il comfort cervicale. Provate ad immaginare la scorretta postura durante la posizione lavorativa al pc.

CURA E TRATTAMENTO

  • Gli Obiettivi della Fisioterapia, Terapia Manuela ed Osteopatia per la Cervicale sono:
  • Trattare il dolore con mezzi che riducano il riposo al letto e la dipendenza dai farmaci;
  • Migliorare la funzionalità vertebrale, neurologica e vascolare;
  • Rieducare la postura;
  • Insegnare una corretta ergonomia vertebrale nella vita quotidiana e nel lavoro;
  • Insegnare al paziente l’autogestione delle manifestazioni a carattere cronico ed infondere fiducia nelle proprie capacità fisiche;
  • Ritorno veloce alle normali attività lavorative e domestiche.

TERAPIA MANUALE ED OSTEOPATIA STRUTTURALE

L’Osteopatia è in grado di risolvere la quasi totalità dei mal di schiena, agendo efficacemente e velocemente sul dolore ma soprattutto lavorando sulle cause a monte. L’intervento osteopatico non è mirato soltanto alla soppressione del sintomo ma punta soprattutto a normalizzare la funzione, garantendo quindi un benessere duraturo nel tempo.

La valutazione osteopatica si rivolge globalmente all’intera struttura (scheletrica, fasciale, muscolare, sistema nervoso e visceri) estendersi a tutti i sistemi e agli altri distretti anatomici e mai solo alla zona lombare dove è presente il dolore.

Il Dr. Still, fondatore dell’Osteopatia, concluse che l’osteopatia poteva riassumersi in un’unica frase “la struttura governa la funzione”. La perfezione di ogni funzione è legata alla perfezione della struttura portante, se tale equilibrio è alterato ci si trova di fronte a una disfunzione osteopatica, caratterizzata da una zona corporea in cui è andata persa la corretta mobilità.

Un metodo concreto, pratico e veloce

Un approccio globale mai basato solo sul singolo sintomo.

Per ogni paziente un approccio altamente personalizzato ed unico basato sui principi della terapia manuale, posturalogia ed osteopatia.

0
+
Prime Visite Anno
0
Problemi Cervicali Risolti
0
Casi di Mal di Schiena
0
Caviglie e Piedi Trattati
INFORMAZIONI UTILI

Dopo un’attenta anamnesi e valutazione posturale complessiva si evidenziano e trattano le problematiche con l’obbiettivo primario della riduzione della sintomatologia dolorosa che ha portato il paziente in studio.

E’ la domanda più frequente. A mio avviso non c’è differenza se non prettamente scolastica e formativa in quanto entrambe si basano sulla perfetta conoscenza della fisiologia e anatomia. In rete si trovano risposte propagandistiche da entrambe le discipline ma la verità è che non esiste la tecnica migliore ma semplicemente la più opportuna ed indicata per il singolo paziente ed in quel momento. L’unico interesse del terapeuta deve essere il benessere del paziente.

Unica cosa fondamentale che il paziente dovrebbe verificare è la reale natura sanitaria del professionista e quindi la Laurea. Ad oggi la semplice osteopatia è stata riconosciuta come disciplina para sanitaria che previene e mantiene lo stato di salute e quindi non cura!

Il prezzo delle Visita è di Euro 65. Non c’è differenza tra la prima seduta e le eventuali successive. Ovviamente per le riabilitazioni che necessitano di più sedute il costo è rimodulato.

La spesa rientra tra le spese sanitarie ed è quindi esente iva, scaricabile e detraibile dalla dichiarazione dei redditi.

Le manipolazioni sono sicure e non sono assolutamente dolorose. Il suono (crack) che si può sentire è dato da una variazione di pressione (negativa) all’interno dell’articolazione che crea lo scoppio di gas. Può succedere che il giorno seguente si avverti qualche dolore diffuso dato dalle manipolazioni ma semplicemnte per il fatto che il corpo non è ancora in grado di gestire le nuove correzioni posturali. 

La singola manipolazione non serve a nulla se non è inserita in un ragionamento più ampio e complesso.

Le manipolazioni agiscono su vari aspetti neurofisiologici e di liberta di movimento e risulta impossibile in poche parole riassumerne i meccanismi di azione e sicuramente c’è da diffidare dall’amico che ti “scrocchia la schiena” e soprattutto dal professionista che scrocchia una volta a destra ed una volta a sinistra!

No non è necessaria la prescrizione medica in quanto il Fisioterapista ha potere autonomo di gestire ed effetture la terapia più indicata ed effettuare diagnosi funzionale.

Per quanto riguarda eventuali accertamenti già eseguiti è utile portali per comprendere meglio la problematica.

Se necessari altri approfondimenti o visite specialistiche verranno richieste.

E’ impossibile rispondere senza visitare il Paziente.
Per la maggior parte dei pazienti con l’approccio osteopatico e manipolativo normalmente sono necessarie 1-2 sedute per la riduzione o scomparsa della sintomatologia dolorosa.
Nei casi invede di una ribalitazione per esempio post operatoria il numero di sedute aumenta come da protocolli terapeutici riconosciuti.
Come mi piace sempre precisare è il sintomo del paziente che detta i modi e le tempistiche delle sedute sia in acuto che di mantenimento.

Articoli Correlati
Cervicalgia: Quali Esercizi Fare

Cervicalgia: quali esercizi fare

La cervicalgia, o dolore al collo, è un fastidio comune che può limitare la nostra capacità di movimento e influire sulla qualità della vita. Uno dei modi per affrontare la...

Read More
Vertigini

Vertigini

Le vertigini sono un disturbo che colpisce molte persone e può avere un impatto significativo sulla loro qualità di vita. In questo articolo, esamineremo le indicazioni, le controindicazioni e il...

Read More
Cervicalgia: come prevenirla

Cervicalgia: come prevenirla

La cervicalgia, comunemente nota come dolore al collo, è un problema diffuso che può causare disagio significativo. Questo articolo esplorerà le cause della cervicalgia e fornirà consigli pratici su come...

Read More
cervicale - dr luca mazzucchelli fisioterpista parma

CERVICALE E CERVICALGIA

La Cervicalgia rappresenta uno dei più comuni sintomi e disturbi a carico dell’apparato muscoloscheletrico per il quale vengono richieste consulti e trattamenti sanitari nei paesi occidentali. Oltre i due terzi...

Read More
Corretta postura - Luca Mazzucchelli Fisioterapista Parma

POSTURA

La postura è la fotografia del corpo umano nello spazio in un determinato istante ed esprime la strategia migliore che adottiamo ed è quindi la valutazione posturale a fornirci importanti...

Read More
Mal di schiena e colonna vertebrale - Fisioterapia ed osteopatia Dr. Mazzucchelli

LA COLONNA VERTEBRALE

Il rachide umano è formato da 33 o 34 vertebre (a seconda che tutte le vertebre coccigee siano o meno fuse tra loro o che una di esse risulti separata), suddivise in 5 aree...

Read More