fbpx
Generic filters
Exact matches only
Generic filters
Exact matches only

EPITROCLEITE

Diagnosi, Sintomi e Trattamento

EPITROCLEITE

Epitrocleite Fisioterapia- Dr. Mazzucchelli Luca Fisioterapia, Osteopatia e Terapia Manuale a Parma

Indice

L'EPITROCLEITE

L’epitrocleite è una malattia infiammatoria che colpisce i tendini e i relativi muscoli che hanno origine dall’epitroclea del gomito. Questa malattia è simile all’epicondilite (o “gomito del tennista”), ma – rispetto a quest’ultima – è una forma più rara.

L’epitrocleite è anche nota con il nome di “gomito del golfista”, poiché è molto diffusa fra gli individui che praticano questo sport.

l sintomo principale dato dall’epitrocleite è il dolore al gomito in corrispondenza della zona coinvolta dall’infiammazione. Il dolore si estende ai muscoli flessori dell’avambraccio e può coinvolgere anche il polso e la mano. Altri sintomi che possono manifestarsi nei pazienti affetti da epitrocleite sono dolore e rigidità articolare.

E’ facilmente individuabile flettendo il gomito a 90 gradi, e ruotando la mano ponendo il palmo verso l’alto. L’area sotto il gomito, appunto è quella interessata dall’epitrocleite, ovvero l’infiammazione dei muscoli che si inseriscono sull’epitroclea.                           

LE CAUSE DELL'EPITROCLEITE

Le cause di una epitrocleite possono essere molteplici, ma generalmente un uso intensivo anche sporadico della muscolatura Epitrocleare è la causa dell’insorgenza della patologia.

EPITROCLEITE: I SINTOMI

I principali sintomi che caratterizzano questa patologia sono, dolore al gomito, più precisamente concentrato lateralmente e può estendersi alla parte centrale dell’avambraccio, determinare indebolimento dei polsi e delle mani, rigidità articolare, formicolio alle dita e intorpidimento, gomito caldo e infiammato.

LA DIAGNOSI

Importante per la diagnosi è l’esame obiettivo che nel caso di epitrocleite prevede un esame palpatorio del gomito e l’esecuzione, con l’arto superiore dolente, di tutti quei movimenti che, in presenza di infiammazione, evocherebbero dolore.

Per una conferma diagnostica si eseguono esami strumentali come la radiografia (diagnosi differenziale), ma soprattutto l’ecografia e la risonanza magnetica.

LA TERAPIA DELL'EPITROCLEITE

La fisioterapia riveste un ruolo di fondamentale importanza sia nella fase immediatamente successiva a quella acuta, dove grazie a terapie fisiche come tecar, ultrasuoni, laserterapia ed onde d’urto, si riesce a velocizzare il processo di recupero.

Si può anche eseguire terapia infiltrativa con cortisonici o, meglio, con soluzione sclerosante per 2 o 3 sedute.

Di aiuto anche il riposo assoluto, l’applicazione della borsa del ghiaccio, l’utilizzo di antinfiammatori e di un tutore. Esso ha lo scopo di creare una leggera compressione ischemica nell’area infiammata e allo stesso tempo di dare una stimolazione a livello neurologico centrale. Soprattutto nei casi non gravi e in fase acuta, è molto utile perché aiuta il paziente a controllare il dolore. Lo si consiglia spesso sin dalla visita iniziale.

Un metodo concreto, pratico e veloce

Un approccio globale mai basato solo sul singolo sintomo.

Per ogni paziente un approccio altamente personalizzato ed unico basato sui principi della terapia manuale, posturalogia ed osteopatia.

0
+
Prime Visite Anno
0
Problemi Cervicali Risolti
0
Casi di Mal di Schiena
0
Caviglie e Piedi Trattati
INFORMAZIONI UTILI

Dopo un’attenta anamnesi e valutazione posturale complessiva si evidenziano e trattano le problematiche con l’obbiettivo primario della riduzione della sintomatologia dolorosa che ha portato il paziente in studio.

E’ la domanda più frequente. A mio avviso non c’è differenza se non prettamente scolastica e formativa in quanto entrambe si basano sulla perfetta conoscenza della fisiologia e anatomia. In rete si trovano risposte propagandistiche da entrambe le discipline ma la verità è che non esiste la tecnica migliore ma semplicemente la più opportuna ed indicata per il singolo paziente ed in quel momento. L’unico interesse del terapeuta deve essere il benessere del paziente.

Unica cosa fondamentale che il paziente dovrebbe verificare è la reale natura sanitaria del professionista e quindi la Laurea. Ad oggi la semplice osteopatia è stata riconosciuta come disciplina para sanitaria che previene e mantiene lo stato di salute e quindi non cura!

Il prezzo delle Visita è di Euro 65. Non c’è differenza tra la prima seduta e le eventuali successive. Ovviamente per le riabilitazioni che necessitano di più sedute il costo è rimodulato.

La spesa rientra tra le spese sanitarie ed è quindi esente iva, scaricabile e detraibile dalla dichiarazione dei redditi.

Le manipolazioni sono sicure e non sono assolutamente dolorose. Il suono (crack) che si può sentire è dato da una variazione di pressione (negativa) all’interno dell’articolazione che crea lo scoppio di gas. Può succedere che il giorno seguente si avverti qualche dolore diffuso dato dalle manipolazioni ma semplicemnte per il fatto che il corpo non è ancora in grado di gestire le nuove correzioni posturali. 

La singola manipolazione non serve a nulla se non è inserita in un ragionamento più ampio e complesso.

Le manipolazioni agiscono su vari aspetti neurofisiologici e di liberta di movimento e risulta impossibile in poche parole riassumerne i meccanismi di azione e sicuramente c’è da diffidare dall’amico che ti “scrocchia la schiena” e soprattutto dal professionista che scrocchia una volta a destra ed una volta a sinistra!

No non è necessaria la prescrizione medica in quanto il Fisioterapista ha potere autonomo di gestire ed effetture la terapia più indicata ed effettuare diagnosi funzionale.

Per quanto riguarda eventuali accertamenti già eseguiti è utile portali per comprendere meglio la problematica.

Se necessari altri approfondimenti o visite specialistiche verranno richieste.

E’ impossibile rispondere senza visitare il Paziente.
Per la maggior parte dei pazienti con l’approccio osteopatico e manipolativo normalmente sono necessarie 1-2 sedute per la riduzione o scomparsa della sintomatologia dolorosa.
Nei casi invede di una ribalitazione per esempio post operatoria il numero di sedute aumenta come da protocolli terapeutici riconosciuti.
Come mi piace sempre precisare è il sintomo del paziente che detta i modi e le tempistiche delle sedute sia in acuto che di mantenimento.

Articoli Correlati
Vertigini
Vertigini

Le vertigini sono un disturbo che colpisce molte persone e può avere un impatto significativo sulla loro qualità di vita. In questo articolo, esamineremo le indicazioni, le controindicazioni e il modo in cui le vertigini influiscono sul corpo. Cause Le vertigini possono essere causate da diverse condizioni, alcune delle quali...

Read More
Tallonite

Tutto ciò che devi sapere sulla Tallonite: Sintomi, Cause e Approcci Terapeutici Introduzione La tallonite è una condizione dolorosa che colpisce la parte inferiore del piede ed in particolare il tallone. Esploreremo in dettaglio i sintomi, le cause e le opzioni terapeutiche per gestire efficacemente la tallonite. Cos’è la Tallonite?...

Read More
Ernia del Disco: Sintomi, Cause e Opzioni di Trattamento
Ernia del Disco: Sintomi, Cause e Opzioni di Trattamento

L’ernia del disco è una condizione dolorosa che colpisce la colonna vertebrale e può causare sintomi debilitanti. In questo articolo, esploreremo cos’è esattamente un’ernia del disco, i sintomi associati, le cause più comuni e le opzioni di trattamento disponibili. Cos’è un’Ernia del Disco? La colonna vertebrale è composta da una...

Read More
distorsione di caviglia - fisitoerapia ed osteopatia parma
LA DISTORSIONE DI CAVIGLIA

“In un mondo sempre più tecnologico l’abilità di toccare il paziente con le mani acquista maggiore risalto. I diversi sistemi, tessuti ed articolazioni che compongono il nostro corpo hanno diverse caratteristiche e regole biomeccaniche ben precise ed è solo con il giusto “tocco” e corretta sensibilità del terapeuta che si...

Read More
Il Gomito del Tennista - Dr. Mazzucchelli Fisioterapista Parma
Il Gomito del Tennista

Il Gomito del Tennista Il Gomito del tennista è una condizione frequente che si verifica nel 10% della popolazione generale. Purtroppo il trattamento di epicondilite

Leggi di più »
Epicondilite - Dr Mazzucchelli Luca Fisioterapista Parma
EPICONDILITE

EPICONDILITE Si parla di Epicondilite, o gomito del tennista, quando i tendini che collegano i muscoli dell’avambraccio alla parte esterna del gomito (epicondilo laterale) si

Leggi di più »
Corretta postura - Luca Mazzucchelli Fisioterapista Parma
POSTURA

La postura è la fotografia del corpo umano nello spazio in un determinato istante ed esprime la strategia migliore che adottiamo ed è quindi la

Leggi di più »